Eventi

Giornate FAI di primavera, 57 “bellezze” tra Lazio e Abruzzo

fai

Alla scoperta delle bellezze e dei tesori che l’Italia ospita e spesso nasconde, magari a poca distanza da casa nostra. Torna il fine settimana dedicato all’arte e alla natura grazie al Fondo Ambiente Italiano che anche quest’anno, in occasione dell’arrivo della bella stagione, organizza le Giornate FAI di Primavera.

Il 19 e 20 marzo è un’occasione unica per scoprire luoghi solitamente chiusi al pubblico proposti in 380 località in tutte le regioni italiane. Oltre 900 aperture straordinarie tra chiese, ville, borghi, siti archeologici, giardini, castelli accessibili a tutti grazie ai volontari del FAI. Un viaggio tra arte e natura alla scoperta dei tesori nascosti del nostro paese.
Tra Lazio ed Abruzzo sono decine i luoghi aperti: dall’arte all’industria, dai monumenti alle riserve naturali.

Ecco una guida alle bellezze artistiche e naturali proposte da FAI

ABRUZZO

bottiVisita guidata alle Cantine storiche PietrantonjVittorito in provincia dell’Aquila
Situata nel centro del piccolo borgo medievale, l’azienda nasce grazie ad Alfonso Pietrantonj, nella sede storica costruita prima del 1830. Per far fronte all’aumento di produzione si avviarono lavori di ampliamento della cantina costruendo due grandiose cisterne dalla capacità complessiva di 1402 ettolitri e collocate 14 metri sotto il livello stradale. Le cantine conservano ancora grandi botti di rovere e noce realizzate nel 1870 ed utilizzate ancora oggi: qui si vinificavano e si conservavano i vini e qui ancora oggi invecchiano i grandi vini rossi aziendali.
Nel museo situato all’interno di possono ammirare attrezzi dell’epoca, utilizzati per la vinificazione, e due grossi torchi del ‘700. Sorprendenti sono le grandiose cisterne che hanno come particolare caratteristica il rivestimento interno di piastrelle in vetro di Murano. Oggi, accanto alla sede principale sorge la moderna cantina di vinificazione dove sono impiegate tecnologie all’avanguardia sia nella vinificazione sia nella conservazione e nell’imbottigliamento dei vini, al fine di valorizzare le peculiarità qualitative delle uve.

sorgenti del pescaraRiserva delle sorgenti del Pescara a Popoli in provincia di Pescara

L’Oasi WWF Sorgenti del Pescara è una delle storiche e più amate aree protette d’Abruzzo caratterizzate da una fitta vegetazione e da una fauna ricca di specie diverse. La riserva si estende su una superficie di circa 50 ettari ai piedi del Colle di Capo Pescara. Nel cuore di questa area protetta un limpido e cristallino specchio d’acqua di rara bellezza si forma da acque sotterranee che percorrono un tragitto di circa 30 giorni. Questa grande quantità d’acqua, che proviene da Campo Imperatore, attraversa la roccia calcarea e arriva ai piedi di Colle Capo Pescara dove riaffiora in superficie. Dopo pochi chilometri confluisce nel fiume Aterno, dando vita al Fiume Aterno-Pescara. Le sponde circostanti sono occupate da un fitto canneto dove pullulano specie animali tipiche degli ambienti umidi e dove nidificano uccelli migratori, tra cui il raro airone rosso.

castelvecchioVisita alla Catacomba di Castelvecchio Subequo in provincia dell’Aquila

La catacomba fu scoperta casualmente nel luglio del 1943, quando un ragazzo, insieme ad altri suoi coetanei, durante un’escursione sulla parte nord della collina di Colle Moria, sprofondò in una buca che immetteva in una lunga grotta o galleria. La Soprintendenza ai monumenti e antichità di L’Aquila e di Chieti e, successivamente la competente Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, fatto un sopralluogo, dopo una visita , accertarono che si trattava di una vera catacomba del IV secolo.
La catacomba, collocata presso l’antica civitas di Superaequum, si compone di due gallerie scavate in una roccia calcarea friabile e disposte approssimativamente ad angolo retto; nelle pareti sono state individuate 22 tombe a sepoltura singola e 46 tombe a sepoltura multipla. Sulla calce di chiusura dei loculi sono presenti alcune iscrizioni, risalenti al IV-V secolo d.C. Alcune fosse scavate in terra risalgono invece al VII secolo e segnano la fine dell’utilizzo della cavità sotterranea.

popoliVisita alla Taverna Ducale di Popoli in provincia di Pescara

La Taverna Ducale, o Taverna Vecchia, è un piccolo gioiello di architettura medievale abruzzese edificata fra il 1333 ed il 1377 durante il governo di Giovanni Cantelmo, IV signore di Popoli. Voluta dai duchi Cantelmo, signori di Popoli, testimonia ancora oggi la loro ricchezza e il loro potere. Colpisce per la sua sobrietà, rimasta intatta nel tempo, con il  portale a ogiva, gli stemmi e le bifore. Situata nel centro storico di una città  turistica,e vicina all’area naturalistica delle sorgenti del fiume Pescara è  luogo di visita attiva e partecipata, aperto a tutti gli amanti della storia e della natura. Di fianco alla Taverna Ducale vi è la cosiddetta Taverna dell’Università, costruita nel 1574 dalle autorità comunali, in contrasto con quella dei feudatari. In facciata si apre un portale con arco a tutto sesto, decorato da cornici bugnate, con l’insegna dell’Università (cioè del Comune) posta in corrispondenza della chiave dell’arco.

LAZIO


cascate tivoliParco Villa Gregoriana di Tivoli 

Situato in posizione panoramica ai piedi dell’acropoli romana di Tivoli, immerso in  un folto bosco di alberi giganteschi, vestigia di costruzioni antiche, dirupi vertiginosi, verdi radure illuminate dal sole questo suggestivo parco conserva un ricco patrimonio naturalistico, storico e archeologico. Il parco, voluto da Papa Gregorio XVI per sistemare il vecchio letto del fiume Aniene, è stato meta di viaggiatori, poeti, artisti, re e imperatori nel corso dei secoli, ma ridotto a uno stato di degrado e abbandono alla fine del ‘900, riaperto al pubblico nel 2005 grazie al FAI. Si estende sui due versanti di una fossa profonda, dove l’Aniene compiva un salto di oltre 100 metri verso la campagna romana: un punto del paesaggio tiburtino particolarmente attraente, caratterizzato da dirupi, caverne e cadute d’acqua. L’opera incessante della natura e dell’uomo ha contribuito a creare un ambiente di assoluto valore naturalistico, in cui convivono in armonia cascate naturali ed artificiali, anfratti,  e affascinanti passeggiate immerse nella rigogliosa vegetazione.

poggio mirtetoChiesa di San Paolo a Poggio Mirteto

La chiesa di San Paolo è la chiesa più antica di  Poggio Mirteto, risalente al XIII secolo. E’ un’importante tappa del percorso che il movimento dei Bianchi fece nella sua marcia verso Roma in occasione del Giubileo del 1400. La chiesa, un tempo adibita a cimitero, è di piccole dimensioni a navata unica e suddivisa in quattro campate da archi a sesto acuto, e terminante con un presbiterio absidato. La facciata è molto semplice: l’unico abbellimento è il portale in pietra locale scalpellinata e, in alto, sopra la porta, un modesto rosone. Grazioso e snello è il campanile senza campane, posto a metà della chiesa sul lato destro, ornato di agili monofore e bifore. L’apertura dell’attuale cimitero nel 1888 segnò la decadenza della chiesa, che fu progressivamente trascurata e quasi abbandonata. All’interno della chiesa, sopra la porta d’ingresso, c’è un medaglione dedicato alla popolazione locale che a sua spese fece restaurare questo luogo nel 1749. Di grande interesse alcuni affreschi restaurati.

foriFori Imperiali – Roma

La “passeggiata” all’interno dei Fori Imperiali è un vero e proprio viaggio nella storia della città eterna attraverso un secolo e mezzo di storia, a partire dal 46 a.C. (Foro di Cesare, primo tra i Fori Imperiali) fino al II sec. d.C. (Foro di Traiano, ultimo e più grandioso). Il percorso inizia con il Foro di Traiano, realizzato per celebrare la vittoria sul popolo dei Daci, prosegue nel Foro di Cesare con il tempio di Venere Genitrice che conserva splendidi resti della ricostruzione dell’epoca di Traiano. Infine si percorre il Foro della Pace che è stato oggetto di un importante intervento di restauro che ha rimesso in piedi sette colonne di granito rosa di Assuan: nel 71 d.C. l’imperatore Vespasiano decretò la costruzione di un tempio dedicato alle Pace che fu terminato nel 75. La piazza era occupata da un rigoglioso giardino ed era circondata da portici su tre lati. Il Foro della Pace, diversamente dagli altri, era anche un luogo di studio e di meditazione oltre che un museo pubblico.

maltaVilla del Priorato di Malta – Roma

E’ uno dei luoghi più magici ed evocativi di Roma, e allo stesso tempo più segreti. Per la maggior parte dell’anno i turisti si devono accontentare di spiare dal famosissimo buco della serratura da cui della villa non si vede che la straordinaria cornice verde che inquadra come un obiettivo fotografico la cupola di S. Pietro. In occasione delle Giornate FAI e grazie alla generosa concessione dell’Ordine, si potranno ammirare l’estro e l’inventiva di Giovan Battista Piranesi non solo nella piazzetta, ma anche nella Chiesa di S. Maria del Priorato. Una volta varcato il portone, si svela il giardino settecentesco. La chiusa, di forma rettangolare allungata, è delimitata da alte mura verso la piazza e verso S. Alessio, mentre strapiomba verso il Tevere e verso il Testaccio. Una nutrita presenza di palme conferisce al luogo la sua dimensione fiabesca. L’angolo ovest è occupato dalla chiesa di S. Maria del Priorato, la cui abside è inglobata nelle costruzioni che compongono la villa. L’abside, dominata dalla grande croce di Malta, ospita la straordinaria “macchina” della “Gloria di S. Basilio”, al confine tra tardo barocco e neoclassicismo: una funambolica e intricata composizione che, illuminata da una finestrella posta alle spalle, sembra esplodere nella conca dell’abside.

 

Taggato con: , , , , , , , , , , , , , ,

Articoli recenti

ATTUALITà

Il casello autostradale di Tornimparte sarà riaperto in tempo utile per l’avvio della stagione invernale

Il casello autostradale di Tornimparte sarà riaperto in tempo utile per l’avvio della stagione invernale: è l’impegno ribadito questa mattina da Strada dei Parchi nel corso di un incontro che...

METEO

Tempo molto instabile con con nuovi cicloni in arrivo: pioggia e vento forte

Prosegue il trend climatico volto al maltempo, anche per questa settimana con nuovi cicloni in arrivo. Già dalla giornata di lunedì 18 novembre una vasta area di bassa pressione si avvicinerà al...

VIABILITà

A25 chiusure notturne dello svincolo di Cocullo

Per urgenti lavori di manutenzione, salvo imprevisti, dal 18 al 22 novembre in orario notturno dalle ore 21:00 alle ore 06:00 sarà disposta l’interdizione al traffico di alcune rampe dello...