Approfondimenti

Alla scoperta dei laghi abruzzesi

Appennino abruzzeseIncastonati come gemme preziose tra i monti più alti dell’Appennino: sono i laghi d’Abruzzo. Dal blu cangiante, al verde, passando per il grigio, sullo specchio d’acqua dei bacini naturali e artificiali abruzzesi si riflettono cielo e vette, attirando turisti da tutta Italia.

Dal lago di Barrea al lago di Scanno, passando per il bacino artificiale di Penne. I laghi abruzzesi sono anche eccellenti palestre per praticare sport acquatici, ideali per gli appassionati della canoa, del windsurf e della pesca sportiva. Lungo gli argini si trovano spesso anche attrezzati e suggestivi percorsi per mountain bike o trekking. Nel periodo estivo, lungo le sponde di alcuni laghi è possibile noleggiare sdraio, piccole imbarcazioni e pedalò e godere del panorama facendo un picnic all’aria aperta.

Lago di Barrea

Lago di Barrea

LAGO DI BARREA – Di origine artificiale, nel cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo, si trova il Lago di Barrea su cui affacciano tre deliziosi borghi antichi: Barrea, Villetta Barrea e Civitella Alfedena, comuni in provincia de L’Aquila. Fu creato nel 1951 dallo sbarramento del fiume Sangro presso la foce di Barrea. Ha una lunghezza di cinque chilometri e una larghezza media di 500 metri. Tra le specie di uccelli presenti, troviamo aironi, garzette, germani, gallinelle d’acqua e martin pescatori. Nel periodo estivo sulle sponde del lago è aperto un ristoro con nolo sdraio e piccole imbarcazioni.

LAGO SANT’ANGELO – Detto anche lago di Casoli, si trova nel comune omonimo, in provincia di Chieti. Un incantevole bacino artificiale creato nel 1958 dallo sbarramento del fiume Aventino per l’alimentazione della centrale elettrica Acea di Selva d’Altino. La sua posizione è molto suggestiva, circondato da lecci e dominato dall’antica Torre di Prata, la Torretta (considerata uno dei primi centri da dove si diffuse l’evangelizzazione cristiana nella Valle dell’Aventino), gode di una splendida vista sul versante orientale del massiccio della Majella. Le sue rive sono agibili e facilmente raggiungibili. Lungo le sue sponde sono presenti numerose aree di sosta, ma caratterizzate da una costante presenza dei venti.

Lago di Bomba

Lago di Bomba

LAGO DI BOMBA – E’ un lago artificiale creato dallo sbarramento del fiume Sangro da una diga in terra battuta iniziata nel 1956 e terminata nel 1962 nel territorio del comune di Bomba, in provincia di Chieti. La diga è tra le più grandi costruite in Italia con questa tecnica e la prima in Europa. In realtà la denominazione ufficiale è quella di Lago del Sangro. Poiché vi si affacciano numerosi comuni del chietino, ciascuno di essi tende a rinominarlo in lago di Villa Santa Maria, lago di Pietraferrazana, lago di Colledimezzo e lago di Pennadomo. L’habitat del lago consente la presenza di diverse specie di pesci e l’ambiente circostante è ricco di vegetazione. Nel bacino d’acqua vivono carpe, persici reali, tinche, anguille e trote. Il lago di Bomba è navigabile, è meta di turismo estivo e di pesca sportiva. Nei pressi delle sue sponde ci sono villaggi turistici, strutture sportive e ricreative, camping, ristoranti e pizzerie. Grazie alla presenza di varie associazioni sportive è possibile esercitarsi con la canoa, il windsurf, lo sci nautico e si possono noleggiare pedalò per una tranquilla passeggiata sul lago.

Lago di Penne

Lago di Penne

LAGO DI PENNEBacino artificiale costruito nel 1965 ottenuto sbarrando il fiume Tavo con una diga a terrapieno alta 30 metri. Ha una profondità media di 10 metri e si estende su una superficie di 70 ettari nel territorio del comune di Penne, in provincia di Pescara. Dal 1987, tutta l’area è sede della Riserva Naturale Lago di Penne. La Riserva occupa una superficie di 1300 ettari e riveste un ruolo molto importante nelle iniziative a favore della tutela della lontra e delle anatre selvatiche.

E’ aperta tutto l’anno e i periodi indicati per la visita sono la primavera e l’autunno. All’interno della riserva, sul sentiero natura è possibile visitare l’orto botanico, il centro lontra, il museo naturalistico “Nicola De Leone”, il giardino delle farfalle, il centro di educazione ambientale “Antonio Bellini”, e il centro anatre mediterranee. La fauna è caratterizzata dalla presenza di molte specie di uccelli, quali la nitticora, che è anche il simbolo della riserva naturale, l’airone rosso e il falco pescatore. Nelle acque del lago vivono persici reali, lucci e carpe.

Lago di San Domenico tra le Gole del Sagittario

Lago di San Domenico tra le Gole del Sagittario

LAGO DI SAN DOMENICO – Anch’esso un bacino artificiale creato dallo sbarramento del fiume Sagittario, realizzato dall’Enel, nel primo dopoguerra. Sorge nell’alta valle del Sagittario, all’altezza del borgo di Villalago, in provincia de L’Aquila, nei cui pressi si trova l’eremo omonimo. Nel lago confluiscono anche piccoli affluenti come le cascatelle della sorgente Sega e il fiumiciattolo di Prato Cardoso. Gli uccelli che popolano il posto sono i germani reali e tra i pesci troviamo persici e trote. Sulle rive scendono spesso volpi, scoiattoli, ghiri, e raramente lupi e orsi. Sul lato di Prato Cardoso si apre una spiaggetta, ma vige il divieto assoluto di balneazione e pesca.

Lago di Campotosto

Lago di Campotosto

LAGO DI CAMPOTOSTO – Il lago fa parte della Riserva Naturale Statale omonima, in provincia de L’Aquila. E’ un “piccolo mare artificiale” nel Parco Nazionale del Gran Sasso-Monti della Laga ad un’ altitudine di di 1.313 metri. E’ il più grande lago artificiale d’Abruzzo che si estende su ben 1.400 ettari interamente in provincia de l’Aquila tra i comuni di Campotosto, da cui prende il nome, Capitignano, e L’Aquila. Venne creato con lo scopo di utilizzare le acque per il funzionamento delle centrali idroelettriche costruite nella valle del Vomano ed è riserva naturale dello Stato dal 1984. E’ meta di molti sportivi e turisti, soprattutto in estate. Il lungolago, prettamente pianeggiante, è indicato per panoramiche passeggiate in bicicletta e in moto. Altre attività praticate sono il jogging, trekking e soprattutto l’equitazione, quest’ultima ben sviluppata da quando Campotosto è stato inserito nell’itinerario dell’ippovia del Gran Sasso. Tra le attività in acqua, il lago è meta di molti appassionati di canoa e windsurf. Il turismo è connesso alle località nelle vicinanze, in particolare il Passo delle Capannelle amato da ciclisti e motociclisti e le stazioni sciistiche di Campo Imperatore e Prati di Tivo.

Lago di Scanno

Lago di Scanno

LAGO DI SCANNO – Noto come “lago dei misteri a forma di cuore”, si estende tra il comune di Scanno, dal quale prende il nome, un paese in provincia de L’Aquila, compreso nel Parco Nazionale d’Abruzzo e nella Comunità Montana Peligna e il comune di Villalago un paesino di montagna anch’esso in provincia de L’Aquila. Si trova nella bassa provincia de L’Aquila tra i Monti Marsicani, nella rigogliosa Valle del Sagittario. Lago di formazione naturale, si è originato a causa di una frana, migliaia di anni fa, che ha sbarrato il fiume Tasso facendogli assumere questa particolare forma a cuore. Il lago ha come immissari, il torrente Tasso ed il torrente Giordano e alcuni corsi d’acqua minori e stagionali. La vegetazione, lungo tutto l’intero tratto costiero, è molto povera e scarsa in quanto nelle aree più vicine al lago non ci sono né pantani né torbiere. Le piante d’albero prevalenti sono salici, pioppi e tiglio. Tra i mammiferi si possono ammirare i lupi appenninici, gli orsi marsicani e le volpi rosse. Gli uccelli che popolano il lago sono le anatre selvatiche, i gufi, le aquile e i falchi pellegrini. La fauna ittica è composta da persici reali, trote, pesci gatto, anguille e dalla rara tartaruga tigrata di acqua dolce. Il lago di Scanno è stato inserito nell’elenco dei siti di interesse comunitario ed è noto come il “lago dei misteri irrisolti”.

LAGO DI SINIZZO – A poca distanza dal centro di San Demetrio ne’ Vestini, in provincia de L’Aquila, si trova il piccolo lago naturale di Sinizzo. Questo splendido specchio d’acqua, alimentato da due sorgenti di acqua potabile, l’Acquatina e la Sinizzo, è balneabile. E’ un punto di sosta ideale grazie anche alla bellezza del paesaggio che presenta rive verdi ombreggiate da salici piangenti. Sono presenti aree adeguatamente attrezzate per piacevoli pic-nic mentre i bambini possono divertirsi nell’apposito parco giochi. Non lontano, si trovano le Grotte di Stiffe, aperte tutto l’anno, che offrono suggestivi scenari che si aprono tra stalattiti, stalagmiti e cascatelle.

LAGO DEL SIRENTE – E’ nel cuore del Parco Regionale del Sirente-Velino, nella piana dei Prati del Sirente a tredici chilometri da Secinaro, in provincia de L’Aquila. Chiamato anche lago di Secinaro, è un laghetto naturale stagionale di forma circolare con un diametro di circa 140 metri, accompagnato da altri 17 crateri più piccoli. Nasce su sedimenti non rocciosi ed ha una struttura di origine glaciale. Dopo anni di studi, alcuni ricercatori hanno avanzato l’ipotesi che il lago del Sirente sia il primo cratere da impatto da meteorite riconosciuto in Italia e il 156esimo al mondo.

Lago di Pietranzoni

Lago di Pietranzoni

LAGHI DI CAMPO IMPERATORE – La vasta piana di Campo Imperatore, l’immenso altopiano che si apre alle spalle della catena del Gran Sasso definito anche il “Piccolo Tibet” è caratterizzato dalla presenza di piccoli specchi d’acqua, naturali, alcuni perenni, altri di breve vita stagionale legata allo sciogliersi delle nevi invernali. Sono tutti di natura carsica e glaciale. Tra questi laghi, il più celebre è il lago di Pietranzoni, lo specchio del Gran Sasso, con acque gelide e movimentate. Nei pressi dei borghi, che si trovano ai piedi dell’altopiano, troviamo il lago di Santo Stefano e quello di Calascio. Alcuni laghi sono solo piccole pozze primaverili, ma ricche di vita. Tutti i laghi sono comunque specchi fantastici nei quali si riflette l’emozionante natura del Gran Sasso.

Taggato con: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Articoli recenti

METEO

Arriva la primavera, tanto sole e temperature in aumento

L’alta pressione è pronta a regalarci alcuni giorni di tempo stabile e soleggiato. La settimana santa si aprirà tuttavia con un lunedì ancora a rischio di qualche temporale sul Lazio. In...

VIABILITà

Chiusura notturna svincolo Tornimparte direzione Roma/A25

Per lavori di manutenzione, e salvo imprevisti, dalle ore 20,00 c.ca del giorno 3 aprile pv alle ore 07,00 c.ca del giorno successivo sarà disposta la chiusura della rampa di entrata in autostrada...

ATTUALITà

Sospensione pagamento Rc auto: come funziona e quando si applica

Il decreto Cura Italia ha previsto l’estensione a 30 giorni, anziché 15, della proroga della copertura assicurativa di auto e moto. Di fatto, il decreto raddoppia la finestra di validità della...