Eventi

Cocullo, in migliaia per la festa di San Domenico

DSC_0182Migliaia di persone sono arrivate a Cocullo per la tradizionale festa di San Domenico abate e la suggestiva processione dei serpari. Le previsioni meteo, non ottimistiche, non hanno scoraggiato i migliaia di curiosi che si sono messi in viaggio da tutto l’Abruzzo e da altre regioni italiane per assistere a questo rito famoso in tutto il mondo.

La processione si è svolta regolarmente grazie anche alla pioggia, tanto temuta, che ha dato una tregua in quel momento. Alla fine della celebrazione della santa messa la statua del santo è stata portata sulla piazza e ricoperta di serpenti tra lo stupore e la curiosità di tutti, in particolare di chi assisteva per la prima volta a questo avvenimento.

DSC_0118Molti gli stranieri, dal Canada, dalla Germania e dal Giappone e da altri paesi del mondo, a conferma della grande attrattiva rappresentata da questo evento. In diversi angoli del paese sono state allestite alcune postazioni per la raccolta di firme affinché il rito dei serpari di Cocullo sia riconosciuto come patrimonio immateriale dell’Unesco.

DSC_0115Grande entusiasmo anche da parte del presidente della Regione, Luciano D’Alfonso, che ha sottolineato come “questo rito sia un elemento di grande riconoscibilità di tutto l’Abruzzo grazie alla sua irrepetibilità e anche alla sua capacità educativa”.

Taggato con: , , , , , ,

APPROFONDIMENTI

Vacanze in arrivo: viaggiare organizzati e senza stress

Dai primi weekend di luglio e fino ai primi di settembre, strade e autostrade saranno “invase” dalle automobili di vacanzieri che si spostano per raggiungere le località di...

ATTUALITà

Autostrade, tornano i tutor con un sistema più preciso e intelligente

In arrivo un nuovo strumento di rilevazione della velocità in autostrada. Il vecchio sistema tutor, disattivato lo scorso maggio per una violazione di brevetto, verrà sostituito dal dispositivo...

STORIA

Testimonianze e ricordi degli uomini che hanno lavorato al Traforo

Strada dei Parchi nel video “Le memorie del Gran Sasso” ha raccolto le testimonianze e i racconti di chi, in quegli anni ’60 e ’70 molto diversi da oggi, ha lavorato nel...