La tua auto

Parabrezza ghiacciato: i rimedi fai da te e gli errori da evitare

L’inverno 2017 verrà ricordato come uno dei più freddi del secolo. Temperature gelide e ghiacciate notturne soprattutto in collina e montagna. Anche località in cui di solito non si raggiungono temperature polari durante la notte, quest’anno vedono scendere la colonnina i mercurio diversi gradi sotto la media stagionale.
Ed ecco che lasciando l’auto parcheggiata di notte al freddo, la mattina è molto frequente ritrovare il parabrezza completamente ghiacciato.

Magari per la fretta di partire a volte si utilizzano metodi non proprio efficaci che possono diventare addirittura dannosi per la sicurezza della nostra auto. Ecco alcuni pratici consigli per non commettere errori e danneggiare il parabrezza:

COSA FARE

  • il primo consiglio, ovviamente, è quello di accendere il veicolo, armarsi di pazienza e aspettare che il motore si riscaldi e accendere l’aria calda posizionandola al parabrezza. Se scegliete questo metodo, assicuratevi che i tergicristalli non siano azionati, eviterete di danneggiarli facendoli urtare sul ghiaccio;
  • un ottimo consiglio è quello di avere sempre a bordo una bomboletta specifica per la rimozione del ghiaccio, facilmente reperibile in negozi di forniture per automobili;
  • se il tempo stringe, oltre ad accende il motore e riscaldare il veicolo, si possono utilizzare un panno o un raschietto per facilitare l’operazione di rimozione del ghiaccio.
  • Rimedi fai da te esistono, sicuramente il più apprezzato è quello del meteorologo Ken Weathers che suggerisce di avere in auto, all’interno di uno spruzzino, una miscela composta da 1/3 di acqua e 2/3 di alcool denaturato. Anche in questo caso l’aiuto di un raschietto o un panno possono velocizzare l’operazione.
  • Se non avete a disposizione un raschietto, dell’acqua,  un prodotto ad hoc per sciogliere il ghiaccio , allora si può utilizzare, sempre con cautela, una carta di credito classica.

COSA NON FARE 

  • Non utilizzare mai il sale: oltre a graffiare il vetro, ne corrode lo strato interno in caso di crepa o scheggiatura;
  • No all’acqua bollente: sembra in rimedio più veloce, invece è il più dannoso. Lo sbalzo termico crea uno shock termico talmente forte da danneggiare irrimediabilmente il vetro e addirittura romperlo;
  • Non usare oggetti appuntiti cercando di rompere il ghiaccio, si rischierebbe di rompere il vetro stesso

PREVENIRE
Un metodo efficace per prevenire la formazione del ghiaccio sui vetri, è applicare un telo o un cartone sul vetro stesso.

Taggato con: , , , , , , , ,

IN ITINERE

Guida sicura: come funziona il sistema pre-crash

  I sistemi pre-crash sono tecnologie che limitano le conseguenze negative dei sinistri. L’auto prepara il guidatore e i passeggeri all’incidente: “capisce” che un...

METEO

Altalena termica e variabilità con pioggia e sole

Questa settimana è atteso l’arrivo di una intensa perturbazione che porterà piogge, temporali e venti forti. Su Abruzzo e Lazio cieli prevalentemente coperti con pioggia debole sui litorali e...

SAPORI IN VIAGGIO

Le ferratelle, i più antichi e apprezzati dolci della tradizione popolare abruzzese

Uno dei dolci natalizi più famosi realizzato ancora oggi secondo l’antica tradizione dolciaria abruzzese sono le ferratelle. Sono cialde cotte all’interno di un “ferro”, chiamato lu...