Ambiente

I parchi dell’A24 e A25

La rete autostradale di Strada dei Parchi è un rapido e comodo collegamento tra l’Autostrada del Sole, l’Autostrada Adriatica e Roma e offre anche la possibilità di un viaggio tra sei parchi naturali, il massiccio del Gran Sasso e numerose riserve ambientali. La regione vanta 280 chilometri immersi nella natura che attraversano l’Abruzzo fino ad  arrivare ai piedi dei Parco dei Monti Simbruini, oasi verde alle porte della capitale. Scopriamo insieme i sei parchi, tra Lazio, Abruzzo e Marche.

IL PARCO NAZIONALE D’ABRUZZO, LAZIO E MOLISE

parco nazionale abruzzo

Monte Meta – Parco Nazionale d’Abruzzo

Inaugurato nel 1922 a Pescasseroli e istituito ufficialmente nel 1923 è uno dei parchi più antichi d’Italia ed è famoso a livello internazionale per il ruolo attivo nella conservazione di alcune specie animali come il lupo, il camoscio d’Abruzzo e l’orso bruno marsicano. La principale finalità di questo parco è la difesa della natura nel suo aspetto originario attraverso attività dedicate alla promozione di uno sviluppo delle popolazioni locali basato sulla conservazione e sulla valorizzazione delle risorse naturali e culturali. Il parco si estende prevalentemente nella provincia dell’Aquila e il suo territorio è costituito prevalentemente da catene montuose con un altitudine compresa tra i 900 e 2.200 metri ed è attraversato da numerosi corsi d’acqua che formano laghi più o meno estesi. Numerose sono le attività da poter svolgere all’interno dell’area protetta: dalle escursioni alle passeggiate fotografiche,  alla visita al museo del parco con la possibilità di vedere all’interno gli animali dal vivo.

PARCO NAZIONALE DELLA MAJELLA

Majella

Majella

Il territorio del parco si estende nelle provincie di Pescara, Chieti e L’Aquila. Si trova nella parte più impervia e selvaggia dell’Appennino Centrale, si sviluppa attorno al grande Massiccio della Majella, la Montagna “Sacra”, detta così perché caratterizzata da una sacralità monumentale che da sempre ha ispirato religiosi ed eremiti. E’ un parco caratterizzato da vaste pianure d’alta quota, da canyon selvaggi ed imponenti; al suo interno di trovano numerosi eremi e abbazie. L’animale simbolo del parco è il lupo, ma all’interno dell’area protetta sono presenti anche altre specie come l’orso bruno marsicano, il camoscio, il capriolo, il gatto selvatico e da altri ancora. Tra le numerose specie di uccelli ricordiamo il falco pellegrino, l’aquila reale,  e il gufo reale.

PARCO NAZIONALE DEL GRAN SASSO E MONTI DELLA LAGA

Gran Sasso

Gran Sasso – Corno Grande

E’ situato nel cuore dell’Appennino Centrale e si estende sul territorio di tre regioni: Abruzzo, Lazio e Marche. Istituito nel 1991 il parco è il terzo d’Italia per estensione territoriale e comprende al suo interno la vetta del Gran Sasso, la più alta degli Appennini continentali, la catena montuosa dei Monti della Laga e l’unico ghiacciaio dell’Europa meridionale. La posizione geografica, l’altezza raggiunta dalle montagne, nonché la differente geologia dei rilievi determinano una straordinaria ricchezza di specie animali e vegetali e una varietà di ecosistemi e paesaggi davvero unica.
E’ una delle aree protette dalla maggiore biodiversità vegetale in Europa con oltre duemila specie di piante censite; l’animale simbolo del parco è il camoscio appenninico, salvato dall’estinzione attraverso un progetto di reintroduzione che lo ha portato a colonizzare le montagne.

PARCO REGIONALE MONTI SIMBRUINI

Monte Viglio

Il Monte Viglio

E’ il più grande, per estensione, tra tutti i parchi e le aree naturali protette della regione Lazio. E’ stato inaugurato nel 1983  quando le amministrazioni dei sette comuni interessati, compresi tra le provincie di Roma e Frosinone, e le associazioni ambientaliste, decisero di valorizzare e tutelare le grandi ricchezze ambientali dei Monti Simbruini creando un parco regionale. E’ un territorio tipicamente montano con cime che raggiungono i duemila metri di altezza; grazie al clima molto piovoso e umido la maggior parte del parco è coperto di aree boschive e, data l’alta quota, in particolar modo da faggete. Gli animali che vivono nel parco sono soprattutto cinghiali, volpi e caprioli, ma sono stati anche avvistati lupi e orsi bruni marsicani.

PARCO REGIONALE SIRENTE VELINO

Monte Velino

Monte Velino

Questo parco regionale naturale è stato istituito nel 1989 ed è situato interamente nella provincia dell’Aquila. Comprende i territori del massiccio del Monte Velino e del Monte Sirente e al suo interno ospita l’esteso Altopiano delle Rocche e parte della piana di Campo Felice, nota località sciistica. Il parco costituisce un ottimo esempio di biodiversità floristica con più di millenovecento specie diverse di vegetazione. Nell’area protetta vivono specie a rischio di estinzione come l’orso marsicano, il lupo e l’aquila reale. All’interno del territorio sono presenti le Grotte di Stiffe, cavità carsica che ha dato origine ad un’attrazione naturale di rara bellezza.

PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI

Monti Sibillini

Lago di Pilato

E’ un’area protetta istituita nel 1993 a tutela del massiccio del Monti Sibillini e si estende nelle regioni di Marche ed Umbria. Le sue cime superano frequentemente i duemila metri di altitudine e la vegetazione diffusa è tipica dell’Appennino centrale con prevalenza di faggi e, tra i fiori, la stella alpina dei Monti Sibillini. Tra i mammiferi più diffusi troviamo il gatto selvatico, l’istrice e il lupo appenninico, recentemente sono stati rintrodotti anche il cervo e il camoscio d’Abruzzo. Tra i luoghi più suggestivi di particolare interesse è il Lago di Pilato, uno specchio d’acqua situato a 1.941 metri e conosciuto come “il lago con gli occhiali” per la sua particolare forma.

Taggato con: , , , , , , , , , , , , ,

Articoli recenti

VIABILITà

Chiusura notturna svincolo Tornimparte direzione Roma/A25

Per lavori di manutenzione, e salvo imprevisti, dalle ore 20,00 c.ca del giorno 3 aprile pv alle ore 07,00 c.ca del giorno successivo sarà disposta la chiusura della rampa di entrata in autostrada...

ATTUALITà

Sospensione pagamento Rc auto: come funziona e quando si applica

Il decreto Cura Italia ha previsto l’estensione a 30 giorni, anziché 15, della proroga della copertura assicurativa di auto e moto. Di fatto, il decreto raddoppia la finestra di validità della...

ATTUALITà

Covid-19, Autostrada gratis per tutti gli operatori sanitari

Scatta su A24 e A25 l’esenzione totale del pedaggio autostradale per medici, infermieri, operatori sanitari e volontari impegnati nell’emergenza Covid-19. La Regione Abruzzo  ha già inviato un...