Ambiente

Raccolta funghi: regole,consigli e false credenze

mushrooms-454168_1920E’ iniziata la stagione dei funghi, e migliaia saranno glia appassionati che si riverseranno su monti e prati tra Lazio e Abruzzo alla ricerca di queste prelibatezze. Andare per funghi è un vero piacere: vivere la natura, la curiosità, le scoperte e la soddisfazione di un buon raccolto.

Ma non ci si improvvisa esperti: chi va per funghi, soprattutto occasionalmente, deve conoscere le regole della raccolta e prendere alcune precauzioni quando si è nei boschi,  in quanto spesso può rivelarsi un ambiente impervio e pericoloso. Altra raccomandazione, forse ancora più importante, saper riconoscere la commestibilità dei funghi è fondamentale per evitare intossicazioni ed avvelenamenti.

Ecco un pratico decalogo su cosa fare prima, durante e dopo la raccolta dei funghi:

NORMATIVE E REGOLE:
E’ necessario informarsi sulle leggi del posto in cui si effettua la raccolta. In molti casi è obbligatorio essere in possesso di permessi di transito, giornalieri o stagionali, per poter accedere al bosco; se sprovvisti si può incorrere in multe anche salate da parte dei guardaboschi autorizzati ad emettere multe o sanzioni a chi non rispetta le leggi del luogo. Le normative cambiano di regione in regione o anche da zona a zona. In questi link le regole in vigore in Abruzzo e nel Lazio

REGIONE ABRUZZO

REGIONE LAZIO

mushrooms-548360_1920COME CERCARE E RACCOGLIERE I FUNGHI
I funghi devono essere raccolti prestando molta attenzione al micelio. Le modalità di raccolta possono cambiare a seconda del tipo di funghi e del tipo di terreno. Una buona regola da rispettare è quella di non raccogliere proprio tutti gli esemplari, ma lasciarne almeno qualcuno che possa maturare e produrre le spore utili a generare altri esemplari.

Quando si trova un fungo:

  • controllare che appartenga ad una specie commestibile e che sia ben sviluppato.
  • se il fungo trovato è velenoso o troppo giovane o troppo vecchio, bisogna lasciarlo dov’è, senza toccarlo affinché possa continuare a crescere e svolgere il proprio ruolo nella natura.
  • il fungo non va tagliato alla base. bisogna procedere con delicatezza, facendo ruotare la base del gambo.
  • una volta raccolto, pulirlo delicatamente e riporlo nel cestino

I funghi di cui non si è certi della commestibilità vanno lasciati interi e portati all’Ispettorato micologico dell’ASL che può identificarli con certezza.

fly-agaric-547324_1920FALSE CREDENZE…MA REALE PERICOLO. 

Non esistono trucchi o stratagemmi per riconoscere la commestibilità o meno di un fungo. In ogni caso è molto pericoloso affidarsi a tradizioni popolari e falsi miti, sorte quando non si conosceva abbastanza sulla biologia dei funghi. Sono quindi assolutamente da non prendere in considerazione credenze del tipo:

  • se un fungo cambia colore al taglio è velenoso, se la carne rimane bianca è commestibile: FALSO, l’Amanita Phalloides non cambia colore;
  • se un fungo è mangiato da animali del bosco è commestibile: FALSO, la fisiologia degli animali è diversa da quella umana; le lumache ad esempio, si cibano di funghi velenosi senza alcun danno;
  • i funghi che crescono in pianura o nei prati sono tutti commestibili: FALSO, l’Amanita Phalloides cresce anche nei prati oltre che nel sottobosco;
  • se nella cottura dei funghi un cucchiaio di argento introdotto in pentola non annerisce i funghi sono commestibili: FALSO, molti funghi velenosi non fanno annerire l’argento;
  • i funghi essiccati perdono la tossicità: FALSO, nella fase di essiccazione il fungo viene privato dell’acqua, ma non delle sostanze tossiche;
  • i funghi bianchi e di odore gradevole sono tutti commestibili: FALSO, l’Amanita Verna e l’Amanita Phalloides, che presentano queste caratteristiche, sono funghi velenosi mortali;
  • raccogliere un fungo e assaggiarne un piccolo pezzo non è pericoloso: FALSO, è un’abitudine piuttosto diffusa. Si pensa infatti che se al primo assaggio il fungo non risulta amaro sia commestibile, se invece è amaro è sicuramente velenoso. Oltre ad essere falso è una pratica molto pericolosa perché anche un pezzo piccolo può risultare letale. Meglio non correre rischi.
Taggato con: , , , , , , , , , , , ,

Articoli recenti

VIABILITà

Anas attiva l’infomobilità per le autostrade A24 e A25

Da oggi tutte le informazioni sulla viabilità e sulle chiusure programmate in A24 e A25 saranno disponibili unicamente sul sito di Anas Spa al seguente indirizzo: www.stradeanas.it/it/a24-a25 Si...

VIABILITà

SdP riattiva provvisoriamente l’infomobilità per spirito di servizio

In attesa che Anas Spa assuma pienamente la gestione operativa delle autostrade A24 e A25, per spirito di servizio nei confronti dell’utenza questo sito continuerà provvisoriamente a...

SERVIZIO CLIENTI

Chiuso tra 8 e 19 agosto il Centro Servizi Direzione. Resta aperto Punto Blu.

Si informa che il Centro Servizi di Direzione resterà chiuso dall’8 agosto al 19 agosto compresi; resterà invece regolarmente aperto, con il consueto orario, il Punto Blu di Colle Tasso Nord....