Attualità

Viaggio sotto i viadotti di A24 e A25

Oggi vi raccontiamo cosa è stato fatto e stiamo facendo sotto i viadotti.
Da un anno lavoriamo alla messa in sicurezza urgente dei viadotti di A24 e A25. Un lavoro enorme. Che ha interessato i 197 viadotti delle autostrade, sotto i quali si è lavorato giorno e notte. Gli interventi antisismici hanno reso più sicure 2052 tra pile e spalle dei viadotti.

È questo il piano di anti-scalinamento. Un progetto di messa in sicurezza urgente nato dopo che l’A24 e A25 sono state funestate da ben due grandi terremoti. A partire da quello dell’Aquila del 2009 all’ultimo di Amatrice. Con in mezzo qualcosa come 54 mila scosse sismiche definite di assestamento.
Per ridurre i tempi e i disagi sono stati aperti oltre 60 cantieri lungo il tracciato di A24 e A25. Qui stanno lavorando oltre 760 persone, giorno e notte. L’obiettivo è chiaro: finire prima possibile e ridurre i disagi per i viaggiatori. Ma per noi di Strada dei Parchi quella messa in campo è soprattutto una risposta e una sfida contro il tempo, per evitare che nuove scosse telluriche possano mettere in pericolo chi viaggia in autostrada.
Per questo abbiamo utilizzato qualcosa come 12,5 milioni di chili di acciaio per “blindare” con speciali culle tutti gli appoggi dei viadotti. Un’opera realizzata con due obiettivi: fare presto ma soprattutto puntare sulla sicurezza.
Seguiranno altri video-racconti dei viaggi sotto i viadotti

 

Taggato con: , , , , , , , , , , ,

TURISMO

Amiternum, un viaggio al tempo dell’antica Roma nel cuore dell’Abruzzo

A pochi chilometri da L’Aquila, in una campagna aperta e incontaminata, si può trovare uno scorcio sul mondo degli antichi romani: Amiternum, la città  fondata dalla tribù dei Sabini, il cui...

METEO

Temperature primaverili ma tempo incerto e piovoso

    Dobbiamo aspettarci una settimana con alternanza tra brevi fasi di tempo stabile interrotte bruscamente da temporali. Da martedì 21 l’alta pressione dovrebbe gradualmente...

SICUREZZA

I dieci “comandamenti” del motociclista

Si sale su una sella, ci si mette il casco, si accende la moto o il ciclomotore e si parte. Viene da pensare che questi semplici gesti siano sufficienti per sentirsi sicuri durante un viaggio su due...